Cosa voglio per me?.. (Bellissima)

205Solo serenità niente di più, non mi importa la bella vita i bei vestiti no non sono queste le cose che mi rendono felice. Sono una di quelle persone che è felice con poco. Mi basta avere accanto le persone che amo vedere nei loro volti la gioia la tranquillità. Mi basta una tazza di caffè calda al mattino per sorridere. Mi basta una passeggiata in riva al mare. Mi basta la stima e l’amore delle persone che sono nel mio cuore. La grandezza non è in me sono una persona umile. Le grandezze le lascio a chi vive di superficialità… Io vivo di Emozioni! (V. Bianco)

E Dio creò il papà.. (Bellissima)

Intercertt268Quando Dio creò il papà cominciò disegnando una sagoma piuttosto robusta e alta.
Una angelo che svolazzava sbirciò sul foglio e si fermò incuriosito. Dio si girò e l’angelo “scoperto” arrossendo gli chiese “Cosa stai disegnando?”.
Dio rispose “Questo è un grande progetto”.
L’angelo annuì e chiese “Che nome gli hai dato?”.
“L’ho chiamato papà” rispose Dio continuando a disegnare lo schizzo del papà sul foglio.
“Papà….” pronunciò l’angelo “E a cosa servirebbe un papà?” chiese l’angioletto accarezzandosi le piume di un’ala.
“Un papà” spiegò Dio “Serve per dare aiuto ai propri figli, saprà incoraggiarli nei momenti difficili, saprà coccolarli quando si sentono tristi, giocherà con loro quando tornerà dal lavoro, saprà educarli insegnando cosa è giusto e cosa no.”.
Dio lavorò tutta la notte dando al padre una voce ferma e autorevole, e disegnò ad uno ad uno ogni lineamento.
L’angelo che si era addormentato accanto a Dio, si svegliò di soprassalto e girandosi vide Dio che ancora stava disegnando.
“Stai ancora lavorando al progetto del papà?” chiese curioso.
“Sì” rispose Dio con voce dolce e calma “Richiede tempo”.
L’angelo sbirciò ancora una volta sul foglio e disse “Ma non ti sembra troppo grosso questo papà se poi i bambini li hai fatti così piccoli?” Dio abbozzando un sorriso rispose: “E’ della grandezza giusta per farli sentire protetti e incutere quel po’ di timore perchè non se ne approfittino troppo e lo ascoltino quando insegnerà loro ad essere onesti e rispettosi”.
L’angelo proseguì con un’altra domanda: “Non sono troppo grosse quelle mani?”.
“No”, rispose Dio continuando il suo disegno “Sono grandi abbastanza per poterli prendere tra le braccia e farli sentire al sicuro”. “E quelli sono i suoi occhi?” chiese ancora l’angioletto indicandoli sul disegno.
“Esatto”, rispose Dio “Occhi che vedono e si accorgono di tutto pur rimanendo calmi e tolleranti”.
L’angelo storse il nasino e aggiunse “Non ti sembrano un po’ troppo severi?”.
“Guardali meglio” rispose Dio.
Fu allora che l’angioletto si accorse che gli occhi del papà erano velati di lacrime mentre guardava con orgoglio e tenerezza il suo piccolo bambino. (web)

Le due vecchiette al mare.. (barzelletta)

1bUn culturista, guardandosi allo specchio, si accorge che è abbronzato dappertutto meno che sul pisello.
Decide allora di rimediare e va alla spiaggia, si sotterra completamente lasciando esposto solo l’arnese.
Passano lì vicino due vecchiette e una, con aria disgustata, dice: – Non c’è proprio giustizia, a questo mondo!
L’altra, perplessa, le chiede cosa mai le preso e lei risponde: – A 10 anni mi faceva paura, a 20 mi incuriosiva, a 30 me lo godevo, a 40 lo chiedevo, a 50 me lo compravo, a 60 lo imploravo, a 70 me lo sono scordato, e adesso che ho 80 anni ‘sti bastardi crescono spontanei!

La suora dal medico… Bellissima. (Barzelletta)

zzzzzzzzz243Una suora va dal medico:
– “Dottore, dottore.. ho un attacco di singhiozzo terribile, sono già due giorni.. non riesco più a mangiare e men che meno a dormire.”
– “Stia calma che adesso la controllo” –
Terminata la visita le dice:
– “Ma sorella, lei è incinta!!”-
La sorella si alza immediatamente e presa dal panico esce di corsa dall’ambulatorio.
Un’ora dopo il medico riceve una telefonata dalla madre superiora del convento:
– “Dottore, ma che cosa ha detto a sorella Carmen?” –
“Madre superiora, sorella Carmen aveva un attacco molto forte di singhiozzo e per guarire questa malattia la cura migliore sono dei grossi spaventi e così le ho detto che era incinta. Ha smesso di singhiozzare?” –
“Sì, sorella Carmen ha smesso di singhiozzare ma padre Paolo si è buttato dalla finestra…”

Sai cos’è che odio?

11133830_901870999870180_4005448566718426569_nLe persone che pensano solo a sè. Forse un po’ le invidio perchè io non ci riesco. Loro invece sì: se ne fottono di quello che fai, di quanto CASINO hai nella tua vita, nella tua mente e cominciano a raccontarti di sè. E poi alla fine ti dicono anche “grazie, ti voglio bene”: Io penso che una persona che ti vuole bene la prima cosa che fa è ascoltarti. Senza ascolto non si va’ da nessuna parte.

OROSCOPO: IL PARTNER IDEALE PER OGNI SEGNO ZODIACALE. SCOPRI QUAL E’ IL TUO

11265154_1066831470012202_4342225070487632701_nTrovare l’amore vero, l’anima gemella con cui condividere tutta la propria vita può essere un’impresa ardua, ma l’astrologia può aiutarci. A seconda del segno zodiacale a cui apparteniamo abbiamo diverse qualità, aspirazioni ed abitudini d’amore, che influenzano notevolmente la nostra personalità. Volete sapere chi potrebbe essere il vostro partner perfetto? Scopriamo le affinità di coppia che esistono tra i diversi segni zodiacali.

Ariete – Il partner ideale per l’ariete potrebbe essere della bilancia. Si attraggono in maniera magnetica, amano l’arte e le cose belle. Si compensano l’un l’altro in maniera perfetta e la loro unione è duratura. Sono entrambi fedeli e rispettosi nei confronti del proprio compagno.

Toro – Tra il toro e la vergine una storia d’amore potrebbe funzionare benissimo. Sono due segni pratici e concreti, che hanno molto in comune. Amano raggiungere la perfezione in ogni cosa e collaborando riescono a raggiungere risultati incredibili. Se da un lato la vergine è molto riservata, dall’altro il toro è sempre desideroso di esprimere le proprie emozioni. L’ostacolo può essere superato solo se si accettano le qualità e i difetti dell’altro.

Gemelli – Gemelli e bilancia potrebbero funzionare alla perfezione. Sono entrambi gentili, diplomatici ed intelligenti. Sono due segni che si completano e che riescono a perdonarsi, esaltano le proprie qualità reciproche e si considerano stimolanti dal punto di vista intellettuale. La relazione può riuscire facilmente ed avrà anche una lunga durata.

Cancro – Un’unione che può andare a gonfie vele è quella fra cancro e pesci. Hanno molti punti in comune, come la sensibilità, l’indole artistica e l’innato romanticismo. Se da un lato i pesci sono più introversi e distaccati, con il cancro, geloso e tenero, si creerà un equilibrio perfetto. L’intesa che lega questi due segni è totale, si capiscono al volo, senza neanche parlarsi ed è proprio per questo che hanno delle relazioni durature.

Leone – Leone e sagittario potrebbero dare vita ad una coppia perfetta. L’intesa è immediata e l’alchimia è forte, solitamente non riescono a lasciarsi con facilità. Entrambi amano i viaggi, i cambiamenti, sono sinceri e, se non combattono per il dominio nella coppia, sono invincibili. Il leone, accanto ad un sagittario, sarà capace di mitigare la sua gelosia.

Vergine – Tra vergine e acquario potrebbe nascere un’ottima intesa. Vengono stimolati dalle stesse cose, sono poco inclini alle esternazioni emotive e, anche se all’apparenza potrebbero sembrare solo due amici, il rapporto che li lega è molto profondo. Riescono a raggiungere anche un’ottima affinità sessuale, sono entrambi amanti disinibiti e passionali.

Bilancia – Una relazione tra gemelli è bilancia ha buone probabilità di riuscita. Condividono amicizie e passioni, ma anche il desiderio di ricchezza e comodità. La bilancia riesce a sopportare il desiderio di indipendenza dei gemelli, la trova una qualità stimolante. Un rapporto del genere sarà sicuramente stimolante dal punto di vista intellettuale.

Scorpione – Lo scorpione trova nel sagittario l’unico partner capace di tenergli testa. Il sagittario sarà capace di mitigare il carattere ombroso dello scorpione con la sua socievolezza e voglia di comunicare. Anche se a volte ci potrebbero essere delle folli litigate, il tutto sarà risolto con focosi e passionali riavvicinamenti, che manterranno saldo il rapporto.

Sagittario – Un’unione tra sagittario e pesci potrebbe essere molto forte e salda, con buone prospettive di durata nel tempo. Sono sinceri ed entrambi vorrebbero dominare all’interno della coppia, ma se riusciranno a raggiungere un equilibrio non si lasceranno mai. Il sagittario ha carattere gioviale e passionale e il leone sarà capace di soddisfarlo da questo punto di vista.

Capricorno – Il capricorno trova nel suo stesso segno un partner perfetto. Due capricorno insieme sono collaborativi e seguono con costanza e tenacia gli obiettivi della coppia. L’intesa è ottima, soprattutto dal punto di vista finanziario ed organizzativo. Talvolta, insieme potrebbero cadere nella monotonia, ma entrambi amano la calma e la ripetitività della vita quotidiana. Una coppia del genere riesce a resistere anche agli scossoni più forti

Acquario – All’apparenza, acquario e vergine sono due segni molto diversi, ma dal loro incontro potrebbe nascere una meravigliosa storia d’amore. L’acquario insegnerà alla vergine ad essere meno razionale, mentre la vergine saprà far diventare l’acquario più pragmatico. Insomma, questi due segni si completano. Il loro punto di forza sarà l’attrazione intellettuale.

Pesci – Cancro e pesci sono due segni che amano dare e ricevere amore e in una relazione saranno capaci di donarsi emozioni e romanticismo. L’intesa tra di loro è estrema, un rapporto del genere è equilibrato, ma anche stimolante. Non di rado, questi due segni arrivano dal fidanzamento all’altare in pochissimo tempo.
fonte: fanpage.it

Nell’amore non esistono regole… (Paulo Coelho)

11058792_896111570426952_1208330410399353893_nPossiamo tentare di seguire i manuali, di controllare il cuore, di avere una strategia
di comportamento. Ma sono tutte cose insignificanti: decide il cuore. E quanto decide è ciò che conta. Lo abbiamo
provato tutti nella vita. In qualche momento tutti abbiamo esclamato fra le lacrime: “Sto soffrendo per un amore per cui non vale la pena”.
Soffriamo perché pensiamo di dare più di quanto riceviamo.
Soffriamo perché non riusciamo ad imporre le nostre regole.
Soffriamo inutilmente, perché il seme della nostra
crescita sta proprio nell’amore. Quanto più amiamo, tanto più siamo vicini all’esperienza spirituale.
I veri illuminati erano pieni di gioia, perché chi ama riesce a vincere il mondo, non ha paura di perdere nulla.
Il vero amore è un atto di totale abbandono.

Ci Sono Le Donne, E Poi Ci Sono Donne Donne

1959240_384831828324541_1200116231_nE quelle non devi provare a capirle, sarebbe una battaglia persa in partenza. Le devi prendere e basta. Devi prenderle e baciarle, e non dare loro il tempo di pensare. Devi spazzare via, con un abbraccio che toglie il fiato, quelle paure che ti sapranno confidare una volta sola, una soltanto, a bassa, bassissima voce. Perché si vergognano delle proprie debolezze e, dopo avertele raccontate, si tormenteranno – in un’agonia lenta e silenziosa – al pensiero che, scoprendo il fianco, e mostrandosi umane e fragili e bisognose per un piccolo fottutissimo attimo, vedranno le tue spalle voltarsi ed tuoi passi allontanarsi. Perciò prendile e amale. Amale vestite, che a spogliarsi son brave tutte. Amale indifese e senza trucco, perché non sai quanto gli occhi di una donna possano trovare scudo dietro un velo di mascara. Amale addormentate, un po’ ammaccate quando il sonno le stropiccia. Amale sapendo che non ne hanno bisogno: sanno bastare a sé stesse. Ma, appunto per questo, sapranno amare te come nessuna prima di loro.

(Cit.)